L’e-retailer cinese ha promosso la prima fiera globale interamente online, fruibile attraverso la piattaforma B2B dell’azienda con sede a Hangzhou. Il trade show, iniziato lunedì 11 maggio, dovrebbe durare sino 24 dello stesso mese e si prevede che possa attirare l’interesse di circa 200mila grossisti al giorno.

Ma l’iniziativa di Alibaba è più ambiziosa della semplice surrogazione di una manifestazione espositiva “offline”, la cui realizzazione è al momento resa impossibile dalla pandemia di Covid-19.

Come spiegato infatti da Zhang Kuo, general manager della piattaforma Alibaba.com, “la mostra non solo replica tutti gli scenari di una fiera offline, ma fornisce anche un upgrade digitale completo”, si legge sul South China Morning Post. L’evento, difatti, prevede l’utilizzo di video brevi per la promozione del prodotto, cui si aggiungono sessioni video in live streaming. 

La piattaforma, inoltre, utilizza i big data per creare “match perfetti” tra venditori e acquirenti. I venditori, infatti, possono decidere quali gruppi di compratori possono avere accesso a tutta o pare della loro offerta, così da aumentare l’efficienza della fiera e proteggere la proprietà intellettuale.

Kuo ha infine dichiarato che, per supportare le piccole e medie imprese in questo momento complesso, quest’anno si terranno 20 fiere online.