La terza Milano Wine Week, dal 3 all’11 ottobre, sarà probabilmente la prima edizione digitale e internazionale, con dieci sedi nel mondo collegate per i tasting attraverso la prima piattaforma digitale dedicata al mondo degli eventi per promuovere il vino italiano. Le aziende potranno così, da Milano, raggiungere i buyer e gli addetti ai lavori connessi in streaming a Londra, Monaco, Mosca, Pechino, Shanghai, Hong Kong, New York, San Francisco, Miami e Toronto.

L’emergenza sanitaria in atto è dunque diventata anche per questo settore l’occasione per investire nell’online. “Impariamo a cambiare. Queste tre parole riassumono lo spirito con cui abbiamo impostato il nuovo palinsesto di Mww, che doveva rimanere fissa nel calendario e diventare compatibile con l’emergenza – ha affermato in conferenza stampa Federico Gordini, ideatore dell’evento prodotto dalla Format Division di Sg Company. – La sede di Palazzo Bovara si trasforma in un grande studio televisivo che farà broadcasting in tutto il mondo”.

Da remoto si accederà anche a momenti di formazione, come il Wine Business Forum realizzato in partnership con Bs-Strategies e coordinato da Silvana Ballotta, dedicato all’internazionalizzazione, e il Wine Generation Forum realizzato con Agivi (Associazione dei giovani imprenditori vinicoli italiani. Shaping Wine, novità del 2020 realizzata con Sda Bocconi, punta invece ad essere un momento di riflessione sui nuovi trend del retail nel mondo del vino.

La svolta digitale non dovrebbe escludere un ampio programma di eventi fisici, a partire dai Wine Districts, quartieri dedicati ai consorzi di tutela del vino. Il circuito horeca di Milano dovrebbe essere anche quest’anno coinvolto e la Mww si è posta l’obiettivo di aiutare la categoria, particolarmente colpita dalla crisi economica collegata alla pandemia. Non mancherà il delivery, con proposte di menù tematici e vini in abbinamento.

“Dobbiamo continuare a proporre eventi. Quella degli eventi è un’industria troppo importante per il nostro Paese e non può essere abbandonata. Noi come Mww daremo il nostro contributo”, ha commentato Gordini. A sostegno di Milano Wine Week, oltre alle aziende del vino e ai consorzi di tutela, ci saranno la Regione Lombardia e il Comune di Milano, con l’obiettivo di trasformare Milano nel principale luogo di promozione del vino italiano.